Naviga le slide

Canazei in Val di Fassa

Tranquille passeggiate nei boschi, camminate in salita alla scoperta di alti pascoli montani, impegnative ascese che portano alle quote rocciose più elevate: questa è l’area di Canazei, un piccolo comune di poco più 1900 abitanti situato nelle splendide Dolomiti. Canazei appartiene alla provincia di Trento e, nello specifico, sorge nella parte più settentrionale della Val di Fassa, come un gioiello incastonato fra tre grandi gruppi dolomitici: il Sassolungo, la Marmolada e il Gruppo del Sella. Si tratta di una celebre località di turismo, viva durante tutto l’arco dell’anno. Nei mesi più freddi è la meta prediletta di appassionati di sci di discesa e scialpinismo, mentre nel periodo estivo, che negli anni buoni si protrae fino a metà settembre, richiama gli amanti dell’escursionismo e del trekking alpino. Ma vediamo da più vicino le caratteristiche di questo luogo incantevole, che coniuga relax, natura e sport, e quali sono le sue principali attrazioni turistiche.

 

Il paesaggio dolomitico di Canazei

Il gruppo montuoso delle Dolomiti è famoso in tutto il mondo non solo per la bellezza e l’imponenza delle sue aguzze cime, ma anche per la sua particolare fauna e flora che le caratterizza. Canazei si trova in questo verdissimo contesto, in corrispondenza del restringimento settentrionale e finale della lunga Val di Fassa, nel lembo più nord-orientale della provincia di Trento. Si tratta, con i suoi 1465 metri di altitudine s.l.m. di uno dei 30 comuni italiani più elevati ed è proprio questa sua fortunata posizione a renderlo uno dei centri più turistici di tutte le Dolomiti, Patrimonio dell’Umanità secondo l’Unesco. Dal centro del paese si possono ammirare le altissime vette dei giganti che la circondano con quote che superano i 3000 m. Il punto più elevato di tutte le Dolomiti si trova proprio qui: è Punta Penia, l’estrema vetta della Marmolada, con i suoi 3348 meri, da cui nei giorni di miglior visibilità è possibile avere un panorama davvero mozzafiato sui maggiori gruppi montuosi delle Alpi Centrali.

 

Come arrivare a Canazei

Per arrivare a Canazei in auto si può prendere l’autostrada A22 del Brennero e uscire a Egna. Da lì si percorre la strada detta Dolomites, che passa per Fontanefredde e Nuova Redagno, per sbucare poi nella meravigliosa Val di Fiemme. Da lì è molto semplice perché la Val di Fassa si presenta come il naturale proseguo della Val di Fiemme. In treno Canazei è raggiungibile dalla stazione di Ora-Auer in Val d’Adige, oppure da quella di Bolzano o di Trento. Ci si può arrivare anche tramite l’ autobus, grazie alla linea servita dalla Trentino Trasporti e dall’azienda SAD. Per chi invece viene da più lontano, gli aeroporti più vicini sono quello di Bolzano-Dolomiti, che si trova a 6 km dal centro di Bolzano, oppure l’aeroporto Valerio Catullo di Verona.

 

Cosa vedere a Canazei

Una volta giunti a Canazei è molto semplice orientarsi perché la ristrettezza della valle non favorisce la proliferazione di strade. Canazei si gira facilmente a piedi e in breve tempo, nonostante sia uno dei centri sciistici più grandi della vallata. I maggiori punti di interesse comunque solitamente prevedono grandi parcheggi per favorire la mobilità anche nei momenti di maggior afflusso turistico. Abbiamo selezionato qualche esempio tra le più belle attrazioni che Canazei riserva per i suoi visitatori.

 

Il centro storico di Canazei

Caratteristico paesino di montagna, Canazei con il suo centro storico rappresenta già di per sé un posto suggestivo: ci sono case con tetti e pareti esterne così lavorate che sembrano appena uscite da una fiaba e scorci di viette molto belle e pittoresche da visitare e fotografare. Passeggiando per il centro, molte sono le occasioni di soffermarsi a osservare qualcosa: un negozietto particolare di souvenirs, una bottega di prodotti locali, o semplicemente la vista delle montagne sovrastanti. Perfetto per persone anziane e famiglie con bambini, ma anche per coppie che cercano una romantica fuga d’amore.

 

La chiesa del Sacro Cuore di Gesù di Canazei

La chiesa del Sacro Cuore di Gesù è una semplice chiesa di montagna che sorge all’inizio del paese su una piccola collina. All’interno si possono ammirare alcuni dei capolavori dei maestri locali dell’epoca, come la Statua della Madonna in abbigliamento tipico della Val di Fassa. Molto particolari le vetrate interne, decorate da illustrazioni riferite a episodi biblici che vengono spiegati in un monitor digitale sottostante. La struttura è moderna e ben valorizzata nel suo complesso, tutta costruita con materiali locali. Può accadere che durante la messa settimanale il coro degli abitanti di Canazei esegua alcuni canti religiosi in lingua ladina, occasione perfetta per il raccoglimento spirituale in un’atmosfera accogliente e molto sentita.

 

Il Palazzo del Ghiaccio Gianmario Scola

A Canazei è inoltre presente un palazzo del ghiaccio, costruito negli anni Ottanta nella località di Alba, una piccola ma graziosa frazione di Canazei. È ovviamente aperto al pubblico che vuole fare una pattinata solitamente dalle 16:00 alle 18:00 e dalle 21:00 alle 23:00, sia in estate che in inverno, quasi tutti i giorni dell’anno. All’interno è presente un noleggio di pattini ben fornito per chi non possiede l’attrezzatura necessaria. Oltre che per il pubblico di pattinatori, il palaghiaccio è utilizzato anche per le partite di hockey e come impianto di pattinaggio artistico agonistico e sui suoi spalti possono essere ospitati fino a 3500 spettatori.

 

Escursioni a Canazei

La rete dei sentieri di quest’area geografica sarebbe davvero infinita e solo per questo tema sarebbe necessaria una guida a parte. Ci sono percorsi consigliati per i meno esperti o per famiglie con bambini, ma anche itinerari più lunghi e avventurosi per gli alpinisti più accaniti. Qui ci limitiamo a nominare la possibilità di compiere bellissime passeggiate e camminate più impegnative nelle montagne intorno a Canazei: sul Sass Pordoi, sul Piz Boé, ma anche sul Sella o sul Sassolungo.

 

Il Lago di Fedaia

Alle pendici del suggestivo massiccio della Marmolada si trova l’incantevole Lago di Fedaia, un bacino artificiale posto a una quota di ben 2053 m. La sua profondità è di 57 metri e il suo perimetro di 5 chilometri, interamente percorribili a piedi, anche la parte sulla diga. La vicinanza della strada asfaltata da un lato rende l’accesso a questo lago molto facile e raggiungibile da chiunque, mentre dall’altro purtroppo rovina la sua magica atmosfera di quiete incontaminata che dovrebbe contraddistinguere qualsiasi ambiente di montagna. Il lago è ben visibile dalle varie cime che lo circondano, quando si ci si trova in escursione nell’area. Osservare le sue acque è emozionante in tutte le stagioni: durante la primavera rispecchiano i suoi fiori, in estate si colorano di verde, in autunno riflettono tutte le sue colorate sfumature e nei mesi dell’inverno si tingono di bianco e si ghiacciano. Il lago di Fedaia è raggiungibile, oltre che in auto, anche a piedi da Alba di Canazei, attraverso vari sentieri e intorno alle sue sponde sorgono varie strutture ricettive per turisti, bar e ristoranti, in cui è possibile mangiare e riposarsi, come il Rifugio Castiglioni Marmolada o il Rifugio Cima Undici, dalle cui vetrate si può ammirare il bellissimo panorama alpino e la vista indimenticabile della Marmolada che si specchia nelle acque del lago.

 

Camminate sulla Marmolada

Il Lago Fedaia è anche un punto di partenza di numerosi altri percorsi che portano sulla Regina delle Dolomiti, la Marmolada. Grazie infatti all’impianto di risalita presente nella zona è possibile raggiungere in appena venti minuti il Rifugio Pian dei Fiacconi che si trova ai piedi del ghiacciaio della Marmolada. Un’altra alternativa, sempre restando sulla Marmolada, è quella di prendere dal Lago Fedaia un’altra funivia, divisa in due tronconi, che sale sul versante della Marmolada, che si erge in altitudine fino a Punta Rocca (3250 m) e che ospita una stupefacente terrazza panoramica da cui si può godere di una vista memorabile. Naturalmente, per i più esperti in camminate, l’ascesa è perfettamente fattibile senza dover prendere alcun mezzo. Anzi, è raccomandabile compiere almeno una parte del percorso a piedi per vivere appieno la maestosità della montagna e sentire nel proprio fiato affaticato tutta la sua imponenza. Un’ottima idea è quella di fare tappa al Museo della Marmolada della Grande Guerra, situato a un’altitudine di 3000 metri, che espone immagini, foto e oggetti riguardanti la Prima Guerra Mondiale.

 

Camminate sul Sass Pordoi e Piz Boé

Una camminata emozionante può essere quella che parte dal Passo Pordoi, da cui si può salire in funivia fino al Sass Pordoi (2950m) per dirigersi poi verso la Forcella Pordoi, fino a giungere alla base del Piz Boé, una delle cime più facili da raggiungere tra tutte le vette delle Dolomiti. Si sale percorrendo il versante sud della montagna su una costa caratterizzata da cenge e gradoni, che non presenta grosse difficoltà fino a giungere alla cima del Piz Boé (3152 m). Si può scendere lungo la via ferrata che porta rapidamente al più basso Rifugio Boé (2871 m) per ricongiungersi alla Forcella Pordoi. Si supera quindi il Sass Pordoi per tornare a valle con la funivia. Vicino alla funivia del Sass Pordoi si può vedere il monumento a Fausto Coppi, un atleta eccezionale che ha fatto la storia del ciclismo italiano. La durata totale del percorso si aggira tra le 3 ore e le 3 ore e mezza, a seconda della camminata, il dislivello è contenuto (neanche 300 m) e nel complesso non si tratta di un sentiero difficile, reso ancor più piacevole dalla moltitudine di paesaggi e di panoramiche. Ne varrà senza dubbio la pena!

 

Gli eventi sportivi annuali da non perdere a Canazei

Avrete ormai capito che Canazei è una vera e propria capitale degli sport alpini e invernali! Tra gli eventi sportivi di maggior successo che Canazei ospita ogni anno bisogna menzionare una gara di sci alpino che si tiene in marzo, la Sellaronda Ski-Marathon. Questa competizione si svolge rigorosamente in notturna e tocca quattro passi dolomitici. In luglio invece si tiene la prova principale del campionato mondiale di skyrunning Dolomites Skyrace, una gara di corsa ad alta quota che parte dal centro di Canazei, procede verso il Passo Pordoi, per salire poi sul Sass Pordoi e sul Piz Boè e fare infine ritorno a Canazei passando per la Val Lasties. Quest’impegnativa prova di resistenza ha una lunghezza totale di 22 km per un dislivello complessivo di 1687 m che i concorrenti migliori corrono in poco più di 4 ore.

 

La cultura ladina di Canazei

Canazei, meglio nota come Cianacéi per i parlanti locali di lingua ladina, è davvero una cittadina unica nel suo genere, non solo per la posizione strategica che la rende uno dei maggiori centri per praticare gli sport alpini, ma anche perché fa parte di un’enclave di lingua ladina assieme ad altri 18 comuni situati nell’area limitrofa. In tutta la Val di Fassa infatti si parla da secoli il ladino che si differenzia anche in vari dialetti circoscritti. In particolare, nella zona di Canazei, è in uso la variante ladina detta cazet. Tra gli abitanti del paese di Canazei solo il 20% è madrelingua italiana, mentre ben il 79% è ladino. Il turista che arriva in Val di Fassa per la prima volta si può facilmente rendere conto di questa particolarità linguistica, soffermandosi a leggere i toponimi del luogo o ascoltando le conversazioni dei locali. I ladini tengono molto alla loro identità e a tramandare le loro tradizioni, per questo a Canazei si organizzano numerosi eventi folkloristici e altre manifestazioni della cultura ladina. Tra gli eventi principali di carattere ladino, che Canazei ospita ogni anno, c’è il famoso carnevale ladino, che si tiene nel mese di febbraio e viene festeggiato con sfilate di artistici carri, accompagnati da balli in maschera e corse in slitta.

Canazei è quindi il luogo perfetto per weekend nella natura o una vacanza più duratura per potersi gustare appieno una natura incontaminata, un divertimento sano, fatto di sport e relax, che in quest’area geografica solo questo meraviglioso paesino può offrire durante tutto l’arco dell’anno.